L’UNIONE SARDA – L’ARDITO SPERONATO DA UN RIMORCHIATORE – MARTEDÌ 16-11-1999

unione sarda
Martedì 16 novembre 1999
 
L’Ardito speronato da un rimorchiatore Collisione nel porto di via Roma via Roma , ieri mattina, tra la fregata della Marina ‘Ardito’ e il rimorchiatore Pina Onorato. La nave militare, che è impegnata in questi giorni in una esercitazione interforze alla quale partecipano anche mezzi della Marina militare francese, stava compiendo una manovra assistita appunto dal rimorchiatore, quando il cavo di traino si è improvvisamente spezzato. Il ‘Pina Onorato’ per effetto del contraccolpo è stato scaraventato verso la fregata e l’urto ha provocato una falla dalla quale sono fuoriusciti diversi litri di carburante.Erano le nove del mattino quando è scattato l’allarme e dalla base operativa della Guardia costiera sono partite le richieste d’intervento: sul posto dell’incidente, all’altezza del molo Sabaudo, hanno fatto rotta il Cp 811, il Boston 5017 e il mezzo antinquinamento della Capitaneria, oltre le unità della società dei Battellieri. Le diverse chiazze, spinte dalla corrente, sono state in parte circoscritte ed è cominciata immediatamente l’operazione bonifica. La nave Ardito è stata bloccata in rada a un miglio e mezzo dal porto dove sono stati effettuati i primi interventi per bloccare la fuoriuscita.L’Ardito fa parte della flotta dei mezzi navali della Marina Militare, è inserita nelle unità di classe ‘Audace’, ha un dislocamento di 3.600 tonnellate e una lunghezza di 140 metri, è larga 14 metri mentre ha un pescaggio (in immersione) di 4,5 metri. Il motore con quattro caldaie sviluppa una potenza complessiva di 73 mila Hp e una velocità di 33 nodi. L’equipaggio di bordo è formato da 31 ufficiali, 350 tra capi, sottocapi e marinai. L’armamento è articolato: l’Audace possiede un sistema missilistico Tartar, un altro Albatros a otto celle, un cannone Oto da 127/44 millimetri, quattro cannoni da 76/62 compatti, due lanciasiluri, un lanciarazzo a due rampe multiple. A bordo ci sono anche elicotteri AB 212.
 
Fonte: 

unione sarda